Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare

Viani Lorenzo


"Giovane dalla sigaretta"

 (1910- 1912)



carboncino, acquerello, pastello su cartone


cm. 96,5 x 68



Collezione:
VARRAUD SANTINI




La datazione di questo cartone, uno dei pezzi più rappresentativi del gruppo di opere raccolto da Jean Varraud, trova discordi i pareri di Ida Cardellini Signorini e di Alessandro Parronchi, il quale ne diede conto per la prima volta già nel 1958. Le due diverse proposte vertono sulle date 1910-1912 (Cardellini) e 1913 (Parronchi), una puntualizzazione di cui avverte l’esigenza la biografa di Viani, per giustificare una stilizzazione di carattere cubista, rilevata in certi particolari della figura. Questa sintassi disegnativa si avverte in un gruppo di caratterizzazioni fisiognomiche marcate che, proprio nella geometrizzazione squadrata e angolosa dei tratti, trova la ragione di una grande espressività. In questo insieme di opere rientrano “Il viandante”, “Zingari”, “Zingari sposi”, e “I due apuani”, tutti ascrivibili al 1912-1915 (I. Cardellini Signorini, 1978, nn. 72, 79-80, 91).

Un dato comune affianca il “Giovane dalla sigaretta” soprattutto al “Viandante”: l’impostazione triangolare del modello, che acquista una sorta di autorevole solennità, quasi da idolo dominatore, per come il volume del busto si armonizza sullo spazio luminoso del foglio.

“La Collezione Varraud”, a cura di G.Matteucci - P.Paccagnini, Musei Civici di Villa Paolina, Viareggio, 1994, p. 88

  • Facebook
  • twitter
  • Google +
  • (Fine Navigatore Social)