Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare

Viani Lorenzo


"Girovaghi"

 (1907- 1908)



china e acquerello su carta


cm. 45 x 36



Collezione:
VARRAUD SANTINI




Intorno al 1906, Viani sperimenta una nuova tecnica, che vede il fitto tramato dei suoi disegni a penna arricchirsi con vivaci accensioni cromatiche a tempera. La distribuzione di tinte sulle masse scure di inchiostro di china genera effetti singolari e densi cromatismi, che valorizzano la superficie di bagliori di suggestione secentesca. Il dato nuovo è costituito dall’impiego della tintura d’iodio, ora applicata nella sua purezza, ora usata come stesura di fondo, con sovrapposizioni di altre gradazioni di colore a tempera.

Con la nuova tecnica egli realizza, tra l’altro, alcune illustrazioni per “La Zattera”, pubblicata a Genova nel 1907. L’impiego di quei fogli si risolse nella sola pubblicazione dei testi polemici e di provocazione sociale, che accompagnavano ogni illustrazione.

Ida Cardellini Signorini ne rammenta tre: oltre a questi “Girovaghi”, ella pubblica “Il falciatore” (1978, n. 33) e cita “Il piromane”. Indubbiamente, di quella serie, questo appare il più complesso nell’esplicare un soggetto che, riscattato dalla sua destinazione polemica, si preannuncia come un esito dai connotati culturali anticipatori della produzione parigina immediatamente susseguente.

“La Collezione Varraud”, a cura di G. Matteucci - P. Paccagnini, Musei Civici di Villa Paolina, Viareggio, 1994, p. 68


  • Facebook
  • twitter
  • Google +
  • (Fine Navigatore Social)