Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Lorenzo viani Benedizione dei morti del mare, particolare
Catarsini autoritratto
Autoritratto, 1941
olio su compensato, cm. 84x66,5
firmato e datato in alto a destra
provenienza collezione dell'autore
sul verso, timbro di autentica
della figlia Mity.

Costituita da trenta opere che illustrano il percorso artistico del pittore, la donazione è stata fatta per volontà dei figli Mity e Orazio nel 2001.

Alfredo Catarsini nasce il 17 gennaio 1899 in una casa della Viareggio vecchia, vicino alla Torre Matilde. Tranne brevi periodi (fra cui si ricorda un soggiorno parigino nel 1914) trascorre tutta la sua vita nella città natale dove ebbe lo studio in due locali di Palazzo Paolina dal dopoguerra fino all’anno della sua morte avvenuta nel 1993. Tali ambienti sono oggi sede dell’archivio storico dell’artista.

La sua vicenda artistica corre lungo l'intero secolo assorbendone in modo consapevole e libero diverse suggestioni stilistiche, alle prime forme di paesaggio di derivazione macchiaiola e impressionista si accompagnano esperienze connotate dal "gusto dei primitivi" e dal cosiddetto rappel all'ordre, orientamenti su composizioni volumetriche e plastiche con colorazioni di un pacato espressionismo, e poi l'incontro con rotture formali più accentuate che daranno origine a due periodi decisamente caratterizzati: il Riflessismo e il Simbolismo Meccanico, come li identificò lo stesso autore.
  • Facebook
  • twitter
  • Google +
  • (Fine Navigatore Social)